Il cristiano agnostico

Uomini di Dio (2010)

Il Dio agnostos e l’umano che ci salva.

Ognuno di noi nel più profondo tende all’Infinito ma questo Infinito è avvolto in una Nube di «non-conoscenza». Accogliere il Dio Agnostos è il fondamento dell’agnosticismo che ci definisce come uomini che siamo a noi stessi e per noi stessi una domanda.

«Ero diventato un grosso problema a me stesso; mi chiedevo perché fossi così triste e così angosciato, e non sapevo darmi una risposta». Mihi magna quaestio factus sum(Agostino, Confessioni, Libro IV, 4).  

La luce accecante in cui è avvolto il Dio Agnostos è il Dio da cui ci sentiamo abbandonati ma allo stesso tempo a cui ci abbandoniamo, diventando noi stessi incomprensibili a noi stessi. E non siamo mai sicuri di averla accettata questa nube tenebrosa, perché anche quando i discorsi pii e meno pii del credente ci vogliono assicurare, in fondo fuggiamo sempre disperatamente verso un riparo che ci possa riaffermare con sicurezza confortante.

Speriamo di accettare questa tenebra e così di credere fermamente.

Speriamo di esserci realmente affidati all’incomprensibilità che chiamiamo Dio.

Ma possiamo udire nel centro più intimo della nostra esistenza la voce di questo amore di Dio, che non solo rende possibile il nostro amore per lui ma lo fa sgorgare anche realmente? Sì, lo osiamo, perché altrimenti l’uomo sarebbe absurdus: Voce senza senso.

Allo stesso tempo, in qualità di uomini corporei e storici, cerchiamo l’esperienza di qualcuno, di cui possiamo fidarci più che di noi stessi. Cerchiamo un uomo che ci permetta di convincerci realmente che vale la pena affidarsi al Dio agnostos. Qualcuno che ha accettato nella realtà della sua vita e non solo con parole vuote il Dio incomprensibile ed è stato da questi accolto.

Il cristiano conosce un evento storico in cui tale affidamento si è realizzato: Gesù di Nazareth. L’uomo Gesù è caduto realmente in maniera incondizionata nell’incomprensibilità di Dio (“Dio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”);  è  stato  accolto  da  tale  incomprensibilità (“Padre, nelle tue mani raccomando il mio spirito”) ed è diventato così l’eternamente valido e salvato: colui che la fede dei suoi discepoli, la fede di duemila anni di cristianesimo e la speranza che si pone in lui testimoniano come risorto. È questa una speranza che rinnegherebbe se stessa se lasciasse ingoiare questo Gesù da un Incomprensibile assurdo.

Poiché questo Gesù visse contemporaneamente in una solidarietà incondizionata con noi, egli è la promessa insuperabile e vittoriosa fattaci da Dio, la promessa che il Dio incomprensibile non è sordo (ab-surdus) ma ascolta. Gesù crocifisso e risorto è la Parola insuperabile fattaci dal Dio incomprensibile, perché egli è l’eternamente accolto da Dio nel suo mistero.

Nell’abbandono incondizionato di sé all’incomprensibilità di Dio sta l’agnosticismo radicale e propriamente il solo vero, perché ogni altra concezione dell’agnosticismo è un’ingenuità. Naturalmente ognuno deve chiedersi se si affida realmente a questo mistero che ascolta.

Sopportiamo l’incertezza dell’incomprensibilità di un Dio che ci viene incontro ascoltandoci ?

Il cristiano che teme, dubita ed è incerto della propria salvezza, è allo stesso tempo gettato in un abbandono incondizionato. Può soltanto dire che Dio è più grande del suo cuore e proprio perché più grande è e resta Dio incomprensibile.

Per questo l’agnosticismo è la forma teologica di credere.

(Rielaborazione di un testo di Karl Rahner: Motivazione della fede in un mondo agnostico, in Id., Scienza e fede cristiana. Nuovi saggi IX, Edizioni Paoline, Roma 1984, pp. 184-191, qui p. 187-191).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...